Alessio Screm

divider.gif (415 bytes)

NOTIZIE SULLAUTORE Alessio Screm (31.10.1981) un giovane ragazzo che abita a Salino di Paularo.
Fin dalla prima infanzia si dedica con passione alla composizione di musiche, canzoni, poesie e racconti, sia in lingua italiana che nella madrelingua friulana.
E' vincitore di diversi concorsi canori tra cui, nel 1998, del "Festival del Canto Friulano", con il brano "All'Amr" da lui stesso composto.
Nel 2000 vincitore del "Premio Selezione Poesia - Collana Poeti Contemporanei" indetto dalla casa editrice Libroitaliano (Ragusa) che gli pubblica una raccolta di versi che l'autore intitoler "Sguardi" .
E' finalista al "Concorso Nazionale di Poesia Ronchi Apuana".
E' Vincitore con la lirica "Garda" al "Concorso Internazionale Lawrence Olivier e Vivine Leight".
E' presente in diverse antologie, tra cui in quelle promosse dalle riviste "Il Filo" e "Orizzonti".
E' autore di un CD da poco prodotto e in cerca di pubblicazione, di cui ha curato i testi e le musiche.
Conseguita la maturit classica, tutt'ora frequenta la facolt di Musicologia all'universit di Udine.
Alcuni suoi versi in lingua italiana possono essere letti visitando il sito www.icontemporanei.it/orditi/principale.htm nell'edizione 2003.
Per quanto riguarda la sua produzione in friulano l'autore ci presenta i seguenti componimenti.

IL SONT DAL MERCJNT DAI SUMPS
( A. Screm; 2002)

Meravs das meravs, a chi!
Io vnt il segrt cal fs ben durm.
La m mercanzie mai no si rmp,
sigr che di not a voris un biel sump!

Denti ogni ample an d' un savr,
sceglintint une in base al colr;
cul rs si insmisci di f l'amr,
cul blu si svle, cul vert si un flr.

E dopo l' il blanc, forsi il sump mir;
ma cjalit! Ognn toli il so colr,
che ancje pal prei chi si fs favr!

Il neri, mi spls, ma l' dut fin;
speravi, cul incubo, di pod guar,
che a fuarce di sumps io no rivi plui a va.

Traduzione:
IL SONETTO DEL MERCANTE DI SOGNI

Meraviglie delle meraviglie, qui!
Io vendo il segreto che fa ben dormire.
La mia mercanzia mai si rompe,
sicuro che di notte avrete un bel sogno!

Dentro ogni ampolla c' un sapore,
sceglietene una in base al colore;
col rosso si sogna di fare l'amore,
col blu si vola, col verde si un fiore.

E dopo c' il bianco, forse il sogno migliore;
ma guardate! Ognuno prenda il suo colore,
che anche nel prezzo qui si fa favore!

Il nero, mi spiace, ma tutto finito;
speravo, con l'incubo, di riuscire a guarire,
che a forza di sogni io non riesco pi a piangere.

PARCE' MAI ANCJE IN CJARGNE AN D'E' CJANTRS E POTES
(A. Screm ; 2002)

Parc mai ancje in Cjargne an d' cjantrs e potes
tra una stirpe di rcs e di lavoradrs?;
il lavr al d onr sa las mans no restin ntes,
e la pene no vl la pale, e il scritr il muradr.

Cheste par lr une crednce sclte:
" Vl sud sanc par furn la cantine " ;
emplade la panze, ma cu la schene plte
no gjoldars neancje un plt da Regjne.

Prefers la quartine, lavor cu la plume
ca gote il sudr su une rime busde,
e pens, distir sul pr, come in tune scne,
la bile armone di une gnve balde.

Par lr nol lavr sta pois in sdravac,
e cj pntin il dt, e cj tirin un clap:
" Paltrn che tu ss, precs di Michelac;
nme mangj, bevi e la a sps!"

" Ma io sei a chi par cjat la m Muse "
ma lr noi caps, e si inrbin, e ai rgne:
" Vonde mondes! Ogni scherzo une scse!
Un pugn in tun vli, iodars po' ce ghigne!"

E: " A vl plui la pratiche che la gramtiche",
e: "no cun perules, ma nme cui ftz";
cheste la recite che simpri ai mi rpliche,
e ogni gno f par lr l' da mtz.

Di crt mi darsin da vivi l'infir:
il fri d'estt e spal neif d'invir;
ma quant che la sere si bf ta balre
mi disin: "Pote, intne une bile!".

Parc mai ancje in Cjargne an d' cjantrs e potes
tra una stirpe di rcs, io lu sai bn;
forsi un forst al sa dal so inggn,
per ancje al cjante e al bf, il Cjargnl!

Traduzione:
PERCHE' MAI ANCHE IN CARNIA CI SONO CANTORI E POETI

Perch mai anche in Carnia ci sono cantori e poeti
tra una stirpe di cocciuti e lavoratori?;
il lavoro d onore se le mani non restano pulite,
e la penna non vale la pala, e lo scrittore il muratore.

Questo per loro un credo sincero:
" Bisogna sudare sangue per fornire la cantina";
riempita la pancia, ma con la schiena rotta
non godrei nemmeno un piatto da Regina.

Preferisco la quartina, lavorare con la piuma
che gocciola il sudore su una rima baciata,
e pensare, disteso sui prati, come dentro a una culla,
la bella armonia di una nuova ballata.

Per loro non lavoro stare distesi in rilassamento,
e ti puntano il dito e ti tirano un sasso:
"Poltrone che sei; tale e quale a Michelazzo:
solo mangiare, bere e andare a spasso!".

"Ma io sono qui per cercare la mia Musa",
ma loro non capiscono, e si arrabbiano, e grugniscono:
"Basta scemenze! Ogni scherzo una scusa!
Un pugno in un occhio, vedrai poi che faccia!"

E: "vale pi la pratica che la grammatica",
e: " non con parole ma solo coi fatti",
questa la recita che sempre mi replicano,
e ogni mio fare per loro da pazzi.

Di certo mi darebbero da vivere l'inferno:
il fabbro d'estate e spalare neve d'inverno;
ma quando la sera si beve nella balera
mi dicono : "Poeta, intona una bella!".

Perch mai anche in Carnia ci sono cantori e poeti
tra una stirpe di cocciuti, io lo so bene:
forse uno straniero sa del suo ingegno,
per anche canta e beve, il Carniello!

NATURE, MRI D'AMR
(A Screm; setmber 2000)

I
Sint sun il grl e no iodi la so mse,
platde tra i cifs di vrt
in tune nt di miege estt,
a vierc un firmament bet,
immacolt tra las fses di un cr roset
das trmes cas tecjoln il dolr.

II
Vidi la lune, mri di consis,
bal di lagrimis ca cj clame
plene di afit sbise palde e ds:
"io cj scolti, zovent,
cj cons benedt".
Forsi no si besi in cheste cjere

III
Cus a fovli cul fau,
cul pec, cul clap, cu l'aghe,
la trute ca ten dut a segrt,
cun ogni anime ca no pnte mai il dt,
ca no petce , ca cr il vr.

IV
A rt cul sorli,
simpatiche ls das frescjes stagjns,
a vai cu la plie
malinconiche gote ca mi lave i pecjz,
a impari cu la furme
l'operose danze di dtes las stagjns.

V
Nature, mri d'amr,
niciule simpri chest f
cal bisugne di cresci come un flr.

Traduzione:
NATURA, MADRE D'AMORE

I
Sentire suonare il grillo e non vedere il suo volto,
nascosto tra i ciuffi di verde
in una notte di mezza estate,
apre un firmamento beato,
immacolato tra le fosse di un cuore roso
dalle tarme che corrodono il dolore.

II
Vedere la luna, madre di consigli,
baule di lacrime che ti chiama
colma di affetto scruta pallida e dice:
" io ti ascolto, giovane,
io ti conosco benedetto ".
Forse non si soli in questa terra.

III
Cos parlo col faggio,
con l'abete, col sasso, con l'acqua,
la trota che tiene tutto a segreto,
con ogni anima che non punta il dito,
che non sparla, che cerca il vero.

IV
Rido col sole,
simpatica luce delle fresche stagioni,
piango con la pioggia,
goccia malinconica che mi lava i peccati,
imparo con la formica
la danza operosa di tutte le stagioni.

V
Natura, madre d'amore,
culla sempre questo tuo figlio
che ha bisogno di crescere come un fiore.

CJASE CJARGNE
(A. Screm; 2002)

Cjase Cjargne, cjare cjere,
cj cjacari cjantnt;
cjale i cjamps, cjale i cjtz,
cjale ducj i tiei cjantns.

Cjale i tris par cjamin,
iostu mris a se ?;
su pa schne nos n plui il gi,
n fs di irbes
come trces di cjavi.

Cjate l'omp a tor cul cjn
cal v a regi cul cndil in man;
non d' vcjes plui a pasn,
pocjes cjres ca prometigne il lat bon.

Cjale ben cheste to crs,
an d' rests simpri plui ps ;
ormai i vecjos a son strcs
par f cui tiei flrs
dai biei e grancj mcs.

Cjase cjare, cjare cjere,
io cjel ds vant:
salvicj Cjargne,
tu e la t int.

Traduzione :
CASA CARNIA

Casa Carnia, cara terra,
ti parlo cantando;
guarda i campi, guarda i porcili,
guarda tutte le tue vedute.

Guarda i sentieri per camminare,
vedi madri a falciare?;
sulla schiena non hanno pi la gerla,
n fasci d'erba come trecce di capelli.

Guarda l'uomo in giro col cane
che va a mungere con la latta in mano;
non ci sono pi mucche al pascolo
e poche capre che promettano un buon latte.

Guarda bene questa tua croce,
sono rimasti sempre pi pochi;
orami i vecchi sono troppo stanchi
per fare con i tuoi fiori
dei belli e grandi mazzi.

Casa Carnia, cara terra,
io te lo dico piangendo;
salvati Carnia,
tu e la tua gente.

CEMUT CAL DIO VEN !
(A. Screm; setmber 2000)

Ati che spernce, virt e bramose,
chi si vf cemt ca Dio vn,
magari impegolts in tune ostare
tignint po' bn il bocl simpri pln.

Al sune il cjantr cu la pipe ta bocje
mastint las perules di une vilte,
e al cjante l'ustr cu la so alegre
di viodi ben plene la s ostare.

E io, pierdt vie a cjal chest biel mont,
i vf dentri l'anime un mistr vagabnt,
e cjc di visins di une vite in montagne
mi met a cjal la biele campagne.

A scrf chel ca it, la m fantasie,
a bf ta butiglie la stonde armonie,
a cjanti, sdravaci, mi buti sul prt
rodolnt iu pas rves da me sporcje estat.

Ati che sperance, virt e bramose,
chi si vf cemut cal Dio vn,
magari impegolats in tune ostarie
e sint ca la vite a denti a va ben.

Traduzione:
COME DIO VUOLE

Altro che speranza, virt e bramosia,
qui si vive come Dio vuole,
magari trovandosi in un'osteria
tenendo bene il boccale sempre pieno.

Suona il cantore con la pipa in bocca
masticando le parole di una villotta,
e canta l'oste con la sua allegria
vedendo ben affollata la sua osteria.

Io, perso a guardare questo bel mondo,
vivo dentro l'anima un mestiere vagabondo,
e ubriaco di visioni di una vita in montagna
mi immergo a guardare la bella campagna.

Scrivo quel che vedo, la mia fantasia,
bevo nella bottiglia la stonata armonia,
canto, mi sporco, mi stendo sul prato
rotolando per le ripe della mia sporca estate.

Altro che speranza, virt e bramosia,
qui si vive come Dio vuole,
magari trovandosi in un'osteria
e sentire che la vita l dentro va sempre bene.


LF DI MONT
(A. Screm; Novmber 2000)

Lf di mont, spierdt tai rus
in ghes clres di spilis rotz.
Vi siers, bocje a sanc,
Dincj roses e bave rse.

Lf di mont,
omp di mont,
astmi de vite
e incjct da muart.

Traduzione:
LUPO DI MONTAGNA

Lupo di montagna, disperso tra i torrenti
in acque chiare di specchi rotti.
Occhi chiusi, bocca a sangue
denti masticati e bava rossa.

Lupo di montagna,
uomo di montagna,
astemio della vita
e ubriacato dalla morte.

 

home.gif (2935 bytes)

 


Cjargne Online
1999-2005 - Associazione culturale Ciberterra - Responsabile Giorgio Plazzotta
I contenuti presenti in questo sito sono di propriet degli autori - Tutti i diritti riservati - All rights reserved
Disclaimer