BROMOIODICHERIE TOLMEZZINE
1914-17

divider.gif (415 bytes)


Si tratta del secondo grosso lavoro di Pier Giuseppe Avanzato, forest ma unico attuale cantore della terra di Tolmezzo, che in questo libro suggestivo ha immesso un materiale così variegato e stimolante da renderlo unico nel suo genere.
Il contenuto è costituito principalmente da una collezione di caricature di personaggi dell'epoca (1915-17) che ravvivavano la società tolmezzina di allora: commercianti, avvocati, medici, alpini, ufficiali, commendatori, poveracci... Una galleria di umanità varia e briosa che la fervida matita di Luigi De Giudici seppe brillantemente enucleare nei loro tratti più salienti, ricavandone delle icone bellissime da cui si evince a colpo d'occhio il carattere e le propensioni del soggetto. Ed ecco il borioso, il placido, l'arrogante,il pavido, l'astuto, l'ipocrita. Sono decine e decine di volti e di corpi che, attraverso il tratto deciso e preciso del De Giudici, riacquistano vita e spessore psicologico al nostro occhio. Un grande artista dunque che però, oltre a spiccate doti di caricaturista, sapeva eccellere anche nella ritrattistica classica (di cui il libro presenta alcuni veri e propri capolavori) e nella ricerca pittorica del tempo (di cui si ammirano alcune riproduzioni di tele davvero eccezionali) dove la tensione verso forme espressive nuove si mescola con influssi futuristi o cubisti.
Attorno a questo nucleo centrale delle opere del De Giudici (da cui trae il titolo anche questo libro), si trovano anche altri contributi:

- Una serie di fotografie dell'epoca, che ritraggono suggestivi angoli di Tolmezzo o fissano alcuni momenti di vita della cittadina durante la prima guerra mondiale: funerali in piazza, trincee sul Pal Piccolo, ufficiali in posa, ospedali da campo, carriaggi in movimento, aerei a elica, crocerossine... tutto accompagnato da adeguata didascalia e incorniciato in ornamenti floreali liberty che rimandano immediatamente a quel preciso periodo e creano una suggestione immediata.

- Una serie di racconti dedicati alla prima Guerra Mondiale, desunti ormai dai parenti di alcuni personaggi, ormai deceduti, ma che all'epoca erano l'occhio e l'orecchio di quella Comunità. E da queste testimonianze orali (seppure indirette) si ricava davvero il polso della situazione di allora e si comprende l'atomosfera che gravava sulla Carnia durante i primi anni di guerra.

Si tratta di un volume pregevole e originale, che completa altri racconti e storie della prima guerra mondiale, sdrammatizzando a volte certi luoghi comuni e ponendo nella giusta dimensione la quotidianità tolmezzina di allora, che, nonostante la guerra in atto, sapeva trovare anche spunti di amabile bonomia e di salutare divertimento.

L'autore merita l'elogio non solo dei tolmezzini, che hanno trovato in lui il vivace e brillante troubador della loro storia, ma dei carnici in generale perchè Avanzato ha saputo cogliere e sviluppare (forse meglio di altri carnici) lo spirito più schietto e più popolare di questa terra, privilegiando una scrittura semplice, piana, priva di funambolismi e di sofisticherie (tanto per restare al titolo), dando libero spazio ad un raccontare arioso e brioso, a tratti ironico e scoppiettante, sempre comprensibile e accattivante, adeguato ad ogni tipo di lettore, anche se questo libro, per il suo contenuto a tratti di alto profilo, parrebbe (erroneamente) rivolto ad una platea più impegnata o culturalmente più preparata.



home.gif (2935 bytes)

 


Cjargne Online
1999-2009© - Associazione culturale Ciberterra - Responsabile Giorgio Plazzotta
I contenuti presenti in questo sito sono di propriet degli autori - Tutti i diritti riservati - All rights reserved
Disclaimer