Guida Pratica per
Guide Geologiche

Un ennesimo delizioso piccolo gioiellino (tipografico/iconografico) partorito dalla fervidissima mente scientifico-divulgatrice di Corrado Venturini, geologo di fama internazionale, docente all'Università di Bologna.

Si tratta proprio di un Vademecum o di un Manuale (che si avvicina per il suo intento a quello delle Giovani Marmotte) in cui il geologo esperto ed alle soglie della meritata quiescenza tenta di trasferire ad una più vasta schiera di adepti (che diverranno non solo guide ma, qualcuno sicuramente, anche geologo sulle luminose orme del maestro) le proprie vaste conoscenze, i propri particolari approcci, le proprie sensazioni ed emozioni di fronte al grandioso libro di pietra che racconta il pianeta vivente.
Dopo una brevissima introduzione, l'autore presenta gli aspetti salienti che una guida geologica deve considerare quando si appresta ad intraprendere un percorso geologico (le carte, le pubblicazioni divulgative esistenti, le pubblicazioni scientifiche, i dati da utilizzare, le soste, i tempi...).
Ma è importante anche come una guida deve interfacciarsi con l'escursionista (frasi semplici e comprensibili, spontaneità, rivolgersi a tutti, mai annoiare...).
Importantissimi sono poi i materiali di cui si deve disporre durante un percorso geo-escursionistico (l'acido cloridrico, la bussola ed il suo specchietto, la lente, le matite, i fogli...).
Non meno importanti sono le strategie per catturare la costante attenzione degli escursionisti (non troppe scelte, esemplificare, sintetizzare i concetti, la gestualità...).
Ovviamente i concetti geologici di base debbono essere posseduti dalla guida anche se non in maniera "accademica" (il tempo, i paleo-ambienti, la carta cronistratigrafica, le stratificazioni, l'orogenesi, la tettonica, le glaciazioni, le ere geologiche, le erosioni e le catture fluviali, le paleo-frane ed i paleo-laghi, i terrazzamenti...).
Paradigmatico resta il triplice modello cui tutta la geologia si riferisce e da cui dipende: "si forma, si deforma, si modella" che rappresenta la frase magica venturiniana che consente ai profani di capire la geologia in tempi brevissimi così come "Apriti Sesamo" fu la frase magica che consentì ad Alì Babà di raggiungere il tesoro...

Siccome il libro-guida viene lanciato e finanziato dalla Regione FVG, nulla di anomalo se per calarsi nella realtà della geologia, Venturini, a mo' di esempio paradigmatico, presenta ed approfondisce il GEOPARCO DELLE ALPI CARNICHE che l'autore stesso conosce benissimo fino negli anfratti più reconditi di questo libro di pietra carnico, dove la frase magica trova continua applicazione ed esplicazione lungo i vari geo-itinerari. E
qui Venturini spiega le ali della sua vasta cultura geologica che, unita al grande amore per la Carnia, sa creare un testo insuperabile, tanto esatto nella sua scientificità quanto allettante nella sua chiarezza e semplicità.

Ciò che poi rende ulteriormente fruibile questo volumetto è la incantevole e fantastica iconografia di Venturini che, come nei precedenti importanti lavori, sa rendere visivamente anche i concetti più ostici per il volgo, mediante disegni e raffigurazioni da lui stesso pensati e minuziosamente realizzati, intercalati alle immagini più rappresentative dei geositi più importanti.

Insomma una GUIDA PER GUIDE che sa tanto di un Bignami di geologia carnica (con l'augurio che alla prossima edizione possa diventare tascabile).

home.gif (2935 bytes)

 


Cjargne Online
1999-2009© - Associazione culturale Ciberterra - Responsabile Giorgio Plazzotta
I contenuti presenti in questo sito sono di proprietÓ degli autori - Tutti i diritti riservati - All rights reserved
Disclaimer