ECONOMIA E SOCIETA' IN CARNIA
fra '800 e '900

divider.gif (415 bytes)

 

L'autore, Gabriele Renzulli, socialista, assessore regionale FVG per molti anni in epoca craxiana, è noto a quelli di una certa età soprattutto per la sua militanza politica ed il suo passato di responsabile della Sanità friulana (il suo lungo cursus honorum è in aletta di copertina del libro).
Eppure Renzulli, laurea in filosofia, fu ed è anche uno studioso attento e preciso che ultimamente ha indagato a fondo un particolare periodo della storia di Carnia: gli anni tra fine '800 e quelli di inizio '900, cioè l'epoca che ha visto nascere e poi svilupparsi quel caratteristico elemento sociale che va sotto il nome di cooperativismo (non a caso l'editore di questo ponderoso e non facile volume è la Coop-Ca di Tolmezzo, cui può essere richiesto gratuitamente il libro citando questa fonte d'informazione), inteso non solo come propaggine del socialismo ma anche come espressione della dottrina sociale della chiesa cattolica.

Prima però, Renzuli analizza la situazione della Carnia di allora in tutti suoi variegati aspetti: dalle vie di comunicazione ai mezzi di trasporto, dalla situazione mineraria alle industrie della trasformazione; dalla meccanica al tessile alla edilizia; si sofferma poi sull'agricoltura e sulle fonti silvo-pastorali, delineando uno scenario che ritengo sia ignoto ai più.

Presenta poi il problema dell'emigrazione operaia di fine secolo XIX e ne analizza quantitativamente e qualitativamente i pesi e le ricadute; racconta la nascita della Banca Carnica avvenuta il 29 marzo 1890 proprio a Tolmezzo...

Alla fine del secolo la borghesia è ancora la classe dominante e dirigente in Carnia e l'attivismo borghese permea tutta la Carnia; intanto sorgono le prime società di mutuo soccorso, socialiste e cattoliche, che vanno a sostenere le classi sociali più umili e indifese.

Gli ultimi capitoli del libro sono dedicati alla nascita del PSI in Carnia, dove altri segni della presenza socialista fioriscono e si rafforzano negli anni...

Il libro si conclude con una ponderosa appendice documentaria che raccoglie i più significativi documenti storici citati nel libro.

Si tratta, come si può evincere dai temi trattati, di una vasta e importantissima opera, di non sempre facile lettura, che va ad interessare non solo chi si professa o si crede (ancora) socialista. Credo infatti che questo volume dovrebbe essere letto da tutti coloro che amano conoscere questo pezzo di storia di Carnia o che comunque amano la Carnia, indipendentemente dalle proprie visioni politiche, passate o attuali.
Si tratta davvero di una opera globale, sistematica, unica nel suo genere che, volendo fare una comparazione, mi ricorda l'impegno e lo spessore culturale di Giorgio Ferigo (scomparso nel 2007). In quest'opera di Renzulli infatti non riconosco più l'assessore socialista del secolo scorso ma uno studioso raffinato, profondo, esigente, affidabile ed attendibile. Non mi sarei mai aspettato infatti che Renzulli, una volta smessi gli abiti della militanza politica, indossasse le vesti di uno storico così autorevole e preparato, così lucido e imparziale.

Debbo riconoscergli ora, dopo tanti anni, una onestà intellettuale ed una solidità culturale che mai avrei immaginato. Non capisco però perchè Renzulli abbia atteso così tanto per esprimere questa enorme potenzialità finora inespressa, che lo pone all'attenzione degli studiosi friulani di storia e, in Carnia, lo proietta sicuramente ai vertici, dopo la scomparsa di Giorgio Ferigo.
A meno che in Carnia non ci siamo mai accorti di lui, a motivo di altri suoi interessi culturali che esulavano dalle nostre tematiche, la cui eco non lambiva le creste dei nostri monti. Ora dunque sappiamo che Renzulli esiste (eccome) e si è già sistemato placidamente (e autorevolmente) sul Coglians...

 

home.gif (2935 bytes)


Cjargne Online
1999-2009© - Associazione culturale Ciberterra - Responsabile Giorgio Plazzotta
I contenuti presenti in questo sito sono di proprietÓ degli autori - Tutti i diritti riservati - All rights reserved
Disclaimer