IL CERTIFICATO COME SEVIZIA

divider.gif (415 bytes)

L’ultim libri che o ai let di Giorgio Ferigo “Il certificato come sevizia” (ed.Forum) mi à fat fâ qualchi ridade di gust.
Mai i vares pensât che un Cjargnel cussì Cjargnel come Giorgio al fos rivât a toli pal cûl tant ben la burocrazie ch'a lu stipendiave.

Il suc di dute l’opare si cjate tes primes ries dal libri (scrit par talian, no par mancjance di rispiet pal furlan, ma par comoditât):

“Molti dei certificati richiesti ai cittadini non hanno alcun significato sanitario”.

Cun meticolositàt scientifiche, che le à doprade ancjie in ocasion di oparis plui inpegnativis, Ferigo al spieghe come che la burocrazie ti puès ruvinâ la vite, propit par vie di chescj certificâz inutils e impussibils.
Cemût pratindi che un miedi, quasi dome a voli, al podi certificâ che un al è di “sana e robusta costituzione fisica”?
” In realtà qualunque sia la definizione, la salute non è certificabile. La salute è assenza di malattia? Non si può certificare qualche cosa che non c’è, non si può attestare un’assenza, una mancanza, il vuoto” .

E dopo all’insist, disint che
- sicome vuei un nol poi jessi declarât colpevul fint a prove contrarie, quindi a esist la presunzion di inocenze,
- sicome che vuei si po presentâsi devant di un sportel e “autocertificâsi” la nascite, la profesion, i studis, e v.i.
- cussì al riten necessari che “nel nostro ordinamento si introduca il principio di ‘presunzione di sanità’. Principio ragionevolmente semplice, economico, distruttore di infinite scartoffie”.

Ate tumiade a è chê dal libret sanitari, che a scuegnin veilu ducj chei che an a ce fâ cu la int, par vie dal mangjâ e dal bevi, parfin l’autist dal camion “Goccia di Carnia”!

And’è imò une slavinade di atis certificâz ch' a rindin potente la burocrazie ch'a ti po’ autorisâ, o no, a fâ il portinîr, il mecanic o il carossîr, il condutôr di cjaldèris a vapôr, o par podê azionâ l’inplant di salide di un skilift, par podê adotâ o, parfin, par podê cedi un quint dal to stipendi, par podei vê un prestit de bancje, fâ il cjaçadôr o lâ in palestre.
Su la patent e il rinovo a scjadence, Giorgio al scrîf un cjapitul intîr. Al è lì ch'al dîs, par fa capî i timps biblics de burocrazie, che in Italie a son volûts 12 agns par rindi obligatoris lis cinturis di sigurece e ben 14 par inponi il casco a chei ch'a van in moto, seben che ducj a fossin convints che la sanitât nazionâl a vares sparagnât un grum di bêz.

Podares lâ indenant a contâus ce che Ferigo, miedi, al pensave de “igiene” che no è une discipline scientifiche, ma un concet ch'al fâs comut a chei ch'a vendin savòns par ogni bisugne, e par capile no covente un diplome postuniversitari: “Basta guardare settanta volte lo spot di Aiax, Igiene Attiva!”.
Ma mi fermi, no prime di dâus un consei che il libri mi à sugjerît: no steit a pensâ di podê lâ cuintri la burocrazie, a pierdaressis simpri.

A Giorgio un requiem ch'a i gjovi a cjapâ di là ce che i an tolet di cà.

Marino Plazzotta
Trep in Cjargne, 5 di dicembar 2007
a un meis da sô muart

 

 

home.gif (2935 bytes)

 


Cjargne Online
1999-2009© - Associazione culturale Ciberterra - Responsabile Giorgio Plazzotta
I contenuti presenti in questo sito sono di proprietÓ degli autori - Tutti i diritti riservati - All rights reserved
Disclaimer