LA DINTONA
Poesie carniche
di Alfio Anziutti

divider.gif (415 bytes)

AL TIBIU

1.

Vris, vuolis, cunfusion

schedas, ciartas e cartelas

par savei cul cha i al tibiu

na coenta liei tabelas.

Una ciaa comi untra

ma cha profuma di podei

e si cha ds ca na basila

distess dopo lu vul vei.

A i ciadrias chas stria

ende chi fs colesion

cusi dopo la sena

a i vansa la culision.

 

2.

Se dal porco varanju

chisciu ostias di scagns

la chi van a ingrumsi

inteligens e tavans (1).

E nisun vul mol

du vul iesi inportans

e i vlta ancia ciama

par pro tris gabans.

A vul d cori ator

cul president, l asesr

Udin, Roma, Triest

e cha si ciavi al lavr.

A serf a meti su grs

e cualchidun ancia grass

cusi l finiss al mandt

sglonf comi un biel tass.

 

3.

I si dan du dal vos

i si clama... "dotr" 

cardient cha sepi avonde

par f un tin di lur.

E i ciacara, i ciacara

i vul fsi sint

ma na i dita ca du po

iu rivi a cap.

A i n af sacramintt

a sta sints e disids

cul cif sturnt chal clopa

e i vuolis distuds.

 

4.

Ma velu, velu chal taca

chel ca senpri al tabaja

e ca cimo l vul f vedi

un bs di cl par na plaja (2).

Po a lieva chel tri

chal ds ditus latins

tal consei nisun bugia

sito du e chitins.

Comi si cha ts senpri

mitt cui par dibant

gleia, ciaa, ostaria

al ubidiss e nal pant.

Per ande cualchidun

ca na lavora sott io

ca nal i un pupinott

chal ds nomi si o no.

 

5.

In Ufisi na i fasil

na si po d monadas

o taei e ator

comi minas cripadas (3).

Cusi i en pcs chi vul

a pro a goarn

ma a i iust ca na vlta

du i vadi a sirci.

Cun pasion e cosiensa

sensa gra anbision

ma ancia sensa pas

par tandli e cojon.

 

6.

O forsi a i miei scarpit (4)

e mand dutt in cul

tibiu, ient, ostarias

par finla in Fril?

Na i cusi senplis

sonci gnarfs e rads

ande tan chi lu san

ma i en in pcs chi lu ds.

E comi in dutas las rbas

na i mai dutt ml o dutt ben

l inportant a i cap

e no conpr paja par fen.

 

AL TIBIU (*)

 1.

Vetri, occhi, confusione

schede, carte e cartelle

per sapere qual il municipio

non occorre leggere tabelle

Una casa come unaltra

ma che profuma di potere

e colui che non fa caso

lo stesso poi lo vuoi avere.

Sono sedie che stregano

E c chi fa collezione

cos dopo la cena

gli avanza la colazione.

 

2.

Che cavolo avranno

questi cristi di sgabelli

dove si ammucchiano

intelligenti e imbecilli.

E nessuno vuole cedere

tutti vogliono essere importanti

tanto da voltare camicia

per provare altri indumenti.

Vuoi dire girovagare

col Presidente, lAssessore

 

Udine, Roma, Trieste

e che sarrangi il lavoro.

Serve a mettere su gradi

per qualcuno anche grasso

cos termina il mandato

gonfio come un bel tasso.

 

3.

Si danno tutti del Lei

si chiamano... "dottore "

credendo sia sufficiente

a fare un po di chiarore.

E parlano, parlano

vogliono farsi sentire

ma non detto che tutti poi

 li riesca a capire.

un problema tremendo

star seduti e attenti

con la testa intontita che ciondola

e gli occhi spenti.

 

4.

Ma ecco, ecco che inizia

quello che sempre favella

e che ancor vuol far credere

che gli asini volano.

Poi si alza quellaltro

 

che cita detti latini

nel consiglio nessuno fiata

tutti zitti e quietini.

Come chi tace sempre

messo l per contare

chiesa, casa, osteria

obbedisce senza mai trapelare.

Per c qualcheduno

che non trama nascosto

e non un burattino

che fa si o no con la testa.

 

5.

In Comune non facile

non si possono far illazioni

o tacere e andare in giro

mogi come pecoroni.

Cos son pochi ad impegnarsi

a provare ad amministrare

ma pur giusto che una volta

tutti vadano ad assaggiare.

Con passione e coscienza

senza grigia ambizione

ma anche senza passare

per ignorante e coglione.

 

6.

O forse e meglio scappare

e mandare tutto in .....

municipio, gente, osterie

per stabilirsi in Friuli?

Non cos semplice

tranciare nervi e radici

sono in molti che lo sanno

pur se nessun lo dice.

E come in tutte le cose

non mai tutto male o tutto bene

limportante capire

e non scambiare la paglia col fieno.

 

 (1988)

Da: LA DINTONA di Alfio Anziutti

Edizione di SUOI FORNS Forni di Sopra

NOTE:

(*) Denominazione popolare del municipio (in fornese "Ufisi")

1 - Calabrone (Fig. tonto)

2 - Far vedere un buco di culo per una piaga

3 - Come pecore morte

4 - Ciabattare: da "scarptt", tipica calzatura locale.

 

home.gif (2935 bytes)

 

divider.gif (415 bytes)
Cjargne Online 1999-2001 - Associazione culturale Ciberterra - Responsabile Giorgio Plazzotta
I contenuti presenti in questo sito sono di propriet degli autori - Tutti i diritti riservati - All rights reserved