divider.gif (415 bytes)

Indice

 
 

Cjargne Online promuove una nuova esperienza telematica, legata alla Carnia. Si  impegna in un romanzo di appendice, a puntate. Come a metà ottocento i giornali francesi si contendevano gli autori ( celeberrimo il Conte di Montecristo di Alexandre Dumas ) noi facciamo luce sulle vicende di una “Cittadella” Carnica, dove l’oggetto del contendere sono il lavoro e la tristezza dell’abbandono.

 

La precarietà del lavoro, tema tanto attuale. Se si perde a Milano è dura, ma se si perde a Paluzza, Sutrio o Paularo, diventa una tragedia, oggi come ieri. Non si può fare a meno di chiedersi come abbiano fatto Comuni che contavano migliaia di abitanti a trasformarsi in deserti. Dove si è sbagliato? Come si poteva fare meglio?

 

E’ la storia di un’Azienda in crisi e di una Comunità che perde progressivamente  la propria originale identità. E’ ambientata  in una Carnia a cavallo degli anni 60/70, che lascia un’economia di sussistenza, ma ancora legata alla terra, per abbracciare il “progresso” e venirne travolta. E’ la storia di una famiglia foresta, che viene da un’altra area marginale del Nord, che investe le proprie speranze in quell’Azienda, in quei luoghi e perde tutto, ma non la dignità e la forza di combattere. Fianco a fianco, talians e cjargnei.  Sono immagini interpretate dagli occhi di un bambino, che cresce in un piccolo mondo che non smetterà più di amare. Una classe politica abulica, una solidarietà limitata, la diffidenza verso gli stranieri fanno da contorno ad un grande affresco sulla società cjargnele, dove i buoni sono duri a morire ma altri glielo lasciano fare volentieri.

 

I lettori possono interagire con la storia che è scritta “in tempo reale”,  inviando osservazioni o suggerimenti all’autore, Prodima ( Mauro Tedeschi ), uno dei primi utenti del sito, cantastorie di cose di Carnia ( Gombe da Poc, Le luci di Cercivento ) e disponibile a misurarsi con questa nuova avventura. Tutti i personaggi, le vicende e parte dei luoghi sono frutto di fantasia, le emozioni no, quelle le vivremo sul serio!

 

[email protected] 

 

home.gif (2935 bytes)

 


Cjargne Online
1999-2005© - Associazione culturale Ciberterra - Responsabile Giorgio Plazzotta
I contenuti presenti in questo sito sono di proprietà degli autori - Tutti i diritti riservati - All rights reserved
Disclaimer